Opzioni binarie: come guadagnare conoscendo i mercati

I mercati finanziari sono osservabili mediante l’analisi fondamentale e l’analisi tecnica. Una buona conoscenza di questi due strumenti puo’ essere un ottimo viatico per guadagnare con le opzioni binarie.

demark

Opzioni binarie e chartismo

L’analisi tecnica si configura come un elemento importante per quanto concerne il trading delle opzioni binarie.

Indici americani in ribasso, i livelli tecnici da osservare

Il mercato del forex, non presenta particolari novità meritevoli di essere citate al fine di un’analisi  approfondita. In sostanza nessun cambiamento se non per quanto riguarda il dollaro Usa  che presenta una sostanziale incertezza come ben dimostrato dal chart giornaliero del FXCM Dow Jones Dollar Index, comunque sui massimi  ma avaro di evidenti segnali tecnici in senso rialzista. Da monitorare con attenzione permane lo yen che, anche in scia ad azionario in indebolimento, potrebbe vivere una temporanea fase di rafforzamento paradossalmente auspicata da alcuni autorevoli rappresentanti del mondo economico nipponico che lamenterebbero di fatto come uno yen debole pesi sull’approvvigionamento di materie prime.

L’eurodollaro continua invece a confermare segnali ribassisti, per e nonostante i tentativi visti ieri di ritorno sulla soglia di 1,29, spiega dailyfx.it. Permane dunque un quadro bearish estendibile a situazioni di medio periodo se si prendono in considerazione tematiche, ma di questo avremo modo di disquisire anche in futuro, elementi quali i differenziali reali di tasso, i massimi per quello che riguarda i flussi in entrata nell’area euro e quindi i potenziali deflussi anche e soprattutto sul fronte obbligazionario, e il rafforzamento del dollaro americano viste le politiche monetarie e i cicli di mercato. Continuiamo a privilegiare invece situazioni tecniche ribassiste sulle commodities currencies.

Il trend della sterlina nelle opzioni binarie mostra una crescita

Nei mercati americani lo S&P500 è a rischio di rotture sotto i minimi di ieri che dunque potrebbero portare a nuove ed importanti sell off verso l’area 1.980/2 da cui poi assistere a ritracciamenti di breve. Sulla stessa falsa riga il Nasdaq sul livello di 4.040 punti verso le aree a 3.995 ed il Dow Jones a 17.165 punti verso 16.980 in caso di conferme di break al ribasso. Warning perciò sulle Borse con le europee che per la verità hanno già lanciato più segnali al ribasso e che, con la estrema cautela che deve caratterizzare le vendite di azionario in questo periodo storico, oggi potrebbero proseguire con il segno meno. Ebbene le vendite di Borsa, come visto, sono state copiose ma assolutamente tecniche e quindi implementabili in operatività: partendo dagli americani, il benchmark S&P500 ha messo a segno discese sotto 1.992 punti approdando sui supporti perfetti a 1.975 prima di dare luogo ad ampi ritracciamenti che possono ora interessare area 1.985/3 prima di eventuali nuove partenze al ribasso.

 

I livelli tecnici nel forex su Euro Usd

EurUsd: buona tenuta delle aree di resistenza studiate ieri ma pacata reazione a ribasso dei prezzi, che hanno però raggiunto i primi livelli statici precedenti, fornendo buone possibilità di uscita da eventuali posizionamenti short che sono rimasti tali in quanto il mercato non ha mai superato le aree di reverse. Ci troviamo ora con la parte bassa delle quotazioni che continua a restituire eventuali livelli su cui ragionare e che vedono in 1.3060 il livello da superare prima di pensare ad estensioni importanti. Su un 4 ore le quotazioni si trovano ancora in area di resistenza, con l’area che si estende fino a 1.3185 che potrebbe farci pensare ad acquisti di dollaro, per ritorni verso 1.3150/30 e figura (in caso di raggiungimento di essa attenzione a tentativi di sforamento verso 1.3175 che non porterebbero a rotture definitive a nostro parere) spiega il desk di Fxmc. Un orario mostra infatti la perdita di momentum ribassista dovuta alla formazione di minimi crescenti e di massimi che potrebbero rivelarsi crescenti e se questo dovesse confermarsi con la formazione di massimi superiori all’area di resistenza ultima vista, potremmo ragionare su ripartenze verso 1.3220/40 e sopra 65 verso la figura.

Nei mercati forex c’è forte attesa per il meeting della Bce

UsdJpy: prezzi che non hanno raggiunto le aree di supporto studiate e che su un 4 ore si stanno mantenendo sopra la media a 21 periodi che sta funzionando bene come area di supporto dinamico. Fino a quando i prezzi si manterranno sopra 104.40 l’idea è di assistere ad eventuali storni verso i supporti statici (estendibili anche oggi fino a 104.25) per ritorni verso 105.00 (è possibile valutare eventuali acquisti di dollaro in caso di scaricamento dello stocastico in ipervenduto). In caso di superamento ribassista di area 104.15 (con stocastico lontano da ipervenduto) è possibile assistere a tentativi di accelerazioni non stimabili per il momento oltre area 103.75.

I livelli di ingresso per le opzioni binarie nel trading sul forex

I livelli di trading nel mercato forex

EurUsd: ottima tenuta delle resistenze individuate e raggiungimento dei primi target indicati. Siamo ancora nei pressi della media a 21 oraria e sotto quella a 4 ore, con la prima media che insieme all’area rappresentata da 1.3135 che potrebbero intervenire come ulteriori resistenze per spingere i prezzi in rottura dei minimi di ieri con potenziali estensioni in area 1.3075 (che non determinerebbe rotture definitive verso 1.3000 se non superata, per ora, l’area di 1.3060). Attenzione, avverte il desk FXMC,  alle possibilità di assistere a rimbalzi, seppur non segnalati tecnicamente, che si fanno sempre più vicine, per cui l’utilizzo di stop loss diviene fondamentale. Ripartenze sopra area 1.31 ¾ divengono necessarie per pensare a tentativi di estensione verso la figura, con 1.3220 come livello principale da seguire per ragionare su inizi di inversioni rialziste.

Le attese degli investitori sulla prossima riunione della Bce

UsdJpy: peccato aver atteso degli storni in area 103 75 prima di valutare acquisti che sarebbero stati perfetti in quanto il cambio ha raggiunto tutti i potenziali target studiati, con il superamento anche di 104.40. La media a 21 oraria si è rivelata un ottimo supporto dinamico ed ora possiamo attendere eventuali storni verso di essa per pensare ad eventuali acquisti di dollaro. L’area tra 104 ¼ e 104.40 rappresenta un buon supporto su cui eventualmente lavorare (media a 21 oraria, a 4 ore e massimi precedenti) per ritorni verso i massimi di stanotte ed in estensione (valutabile se gli stocastici orari si manterranno lontano dall’ipercomprato, dopo esserci usciti sull’eventuale storno e se quelli a 4 ore dovessero mantenersi per tutta la durata dello storno all’interno dell’area 70/100) verso 105.00. In caso di superamento ribassista di area 104.15 è possibile assistere a tentativi di accelerazioni non stimabili per il momento oltre area 103.85.

Il trading in opzioni binarie con l’analisi tecnica

EurUsd: perfetta la situazione tecnica dell’euro su cui hanno tenuto le resistenze viste in 1.3195, con il raggiungimento di entrambi i target ipotizzati. Siamo ora con i prezzi che si stanno mantenendo sotto la media a 21 oraria che, insieme all’area rappresentata da 1.3150, potrebbe rappresentare un’area sulla quale considerare eventuali acquisti di dollaro per tentativi di ritorni sui minimi di stanotte ed eventuali estensioni verso 1.31 figura. Stiamo attenti che le possibilità di assistere a rimbalzi, seppur non segnalati tecnicamente, si fanno sempre più vicine, per cui l’utilizzo di stop loss diviene fondamentale, spiega il desk di Fxmc. Continuiamo a credere che ripartenze sopra area 1.3265 divengano necessarie per ragionare su accelerazioni rialziste consistenti, nell’intraday stiamo però concentrati su 1.3185, oltre il quale potrebbe essere possibile il raggiungimento di area 1.3220 (sforabile di una ventina di punti in estensione).

L’embargo alla Russia crea difficoltà all’economia

UsdJpy: nessuna operatività sul UsdJpy che si è mantenuto sopra i supporti individuati in 103.30 (senza raggiungerli) superando 104 figura e tentando delle estensioni verso 104.20, confermando quindi una bandiera rialzista a 4 ore. Ci troviamo ora sopra la media a 21 a 4 ore e vicino ai punti di massimo precedenti, con un orario che mostra medie impostate a rialzo e prezzi ben allineati sopra la 21. Seguiamo la possibilità di assistere a tentativi di correzione in area 103. ¾, dove eventualmente pensare ad acquisti di dollaro in caso di scaricamento di entrambi gli stocastici, a 4 ore ed orari. Nel momento in cui i prezzi dovessero superare le aree di supporto viste (operativamente potremmo considerare l’area di 103.65 come trigger) potrebbe essere possibile valutare eventuali estensioni verso 10350 e 103.30, tenendo conto che ulteriori rotture a ribasso dell’area rappresentata da 103 ¼ potrebbero risultare propedeutiche ad accelerazioni verso 102.90. Ritorni verso i massimi di stanotte ed estensioni verso 104.40 i target in caso di tenuta dei supporti.

Gli eventi finanziari della settimana

I mercati sono euforici in attesa di quello che deve dire Bernanke durante il prossimo vertice di Jackson Hole. Ma ci si aspettano anche altre buone notizie dall’incontro del direttivo della BCE che si terrà giovedì prossimo.