Fare trading su materie prime è per tutti?

di Valentina Cervelli Commenta

Fare trading su materie prime è per tutti?  La risposta spesso sta nel mezzo, come in questo caso. Investire in questo campo infatti può essere molto remunerativo a seconda dei momenti ma bisogna sapere quello che si fa.

Trading su materie prime può essere remunerativo

Di certo prima di tutto è importante trovare un broker che sia specializzato su questo specifico mercato, quello delle commodities. Ma al contempo è anche necessario essere preparati.  Questo perché davanti a un’offerta tecnica e tecnologica importante e semplice da usare non deve mancare la sapienza da parte dell’investitore. Non si può pensare di approcciare un mercato senza conoscerne perlomeno le basi.

Partiamo da un presupposto: l’inizio del 2022 ha portato con sé un rialzo del prezzo del petrolio non indifferente, fattore che ha portato molte persone interessate a investire a porsi maggiori domande sulle materie prime e su come far fruttare questo loro interesse.  A ciò ci si sono aggiunti i metalli come il palladio e il nickel e ovviamente l’oro anche a causa del’attacco della Russia nei confronti dell’Ucraina. Non è una novità che nei momenti di crisi questo materiale prezioso venga considerato come una risorsa importantissima e un bene rifugio.

Insomma, il trading delle materie prime, proprio per via di ciò che sta accadendo sta diventando il focus di molti investitori, più o meno preparati.

Attenzione se si è trader neofiti

Ripetiamo la domanda: investire in materie prime è qualcosa adatto a tutti? Non proprio. Bisogna, va sottolineato ancora, trovato il broker giusto e quindi un portale che sia autorizzato a lavorare in Italia secondo la legge. E bisogna conoscere la materia.

Questo gioca a sfavore dei trader neofiti che possedendo un piccolo gruzzoletto vogliono cercare d’investirlo per farlo crescere. In questo caso il consiglio è prima di tutto quello di studiare l’oggetto del proprio interesse e capire come si muova il mercato a esso collegato.  Poi bisogna pensare a fare pratica e in tal senso la via migliore è quella di esercitarsi attraverso un conto virtuale, opzione spesso offerta dai broker di alta qualità.

Per quel che riguarda il periodo storico forse questo è proprio il momento più adatto per investire in commodities  ma bisogna fare allo stesso tempo attenzione a non farsi prendere troppo dalla frenesia. Di solito è proprio questa che porta a scegliere broker sbagliati.

Il consiglio? Punta su materie prime ma tenendo sempre conto di due fattori: sicurezza e preparazione. Solo in questo modo arriveranno guadagni degni di questo nome.