Opzioni binarie, le critiche più frequenti

di Gianni Commenta

Azzardo o scommessa? Nessuno dei due termini è adatto.

Sono pesanti le critiche che ogni giorno giungono da coloro i quali hanno avuto un approccio negativo con le opzioni binarie e si definiscono altamente delusi nei giudizi che è facile leggere su internet.

Nella fattispecie, con una certa frequenza si parla di opzioni binarie come se si stesse affrontando il tema delle scommesse o del gioco d’azzardo, al contrario di quanto ritengono gli esperti che invece mettono in bella mostra le possibilità di rendimento che anche i broker promettono di poter raggiungere. Chi ha ragione? Gli esperti sostengono quanto segue:

Partiamo dalle possibilità che ci offrono le opzioni binarie per accrescere i nostri risparmi, ossia l’opportunità di trattare mercato azionario, valutario, indici e materie prime con assoluta autonomia e senza pagare commissioni al broker. E’ vero che i rendimenti previsti sono generalmente attorno all’80% per una previsione corretta, che se posti al cospetto di una perdita del 100% in caso di avvenimento contrario a quanto previsto mettono in mostra il rischio reale di investire (scommettere?) con il trading binario. D’altra parte, tuttavia, riuscendo ad ottimizzare le probabilità di riuscita si andrà incontro ad un gradevole “circolo vizioso” che prometterebbe davvero bene per il futuro del nostro bottino.

Gli esperti del settore, coloro i quali che da anni e anni sono protagonisti con i loro ricchissimi account, non ne vogliono proprio sentir parlare di azzardo o di scommessa, perché a loro avviso c’è in gioco l’astuzia da investitore e altre grandi doti come la pazienza di aspettare il momento giusto per approfittare di ghiotte situazioni di mercato e la freddezza di fronte a situazioni sfavorevoli, che con il tempo possono essere man mano attenuate e poi superate con l’arrivo dei guadagni, senza abbattersi troppo e rischiare di sprofondare ulteriormente a causa della dannosa testardaggine e voglia di rivalsa.