Scalping trading, come regolarsi?

di Valentina Cervelli Commenta

Spesso si sente parlare di scalping trading: ma cosa è esattamente? Conoscerne le basi consente di poterlo applicare nella propria strategia di investimento al fine di trovare una via di guadagno valida e importante.

Cosa è lo scalping

Lo scalping è  una tecnica del trading che prevede l’apertura e la chiusura di una posizione in un arco di tempo molto limitato. Attenzione, non esiste una norma che definisca questo lasso di tempo: ecco quindi che quando si parla di scalping è notabile come le operazioni vengano gestite in un intervallo di tempo che va dai pochi secondi fino ai 15 minuti. Tecnicamente questo modus operandi viene considerato parte del trading intraday che richiede che l’apertura e la chiusura dell’operazione nel corso della seduta. Una sotto categoria specifica che vede i suoi operanti essere chiamati scalper, impegnati nel ottenere tanti piccoli profitti nel corso di una seduta.

Lo scalping è essenzialmente contraddistinto da due fattori: il primo consta nel fatto di sfruttare la pubblicazione dei dati o eventi macroeconomici in grado di portare volatilità e liquidità sui diversi mercati che, in questo caso, viene colta come una opportunità di guadagno se si dovessero verificare specifiche condizioni come aspettative disattese. Il secondo è lo sfruttamento della leva finanziaria, uno strumento che consente di amplificare i potenziali profitti o anche le perdite, catturando attraverso di essa anche i movimenti più impercettibili del mercato.

Come funziona lo scalping

Come funziona lo scalping? Nonostante non ci sia una regola fissa da seguire, di solito gli scalper gestiscono una posizione dividendo l’operazione in più fasi. Se si è in fase di profitto si chiude parte dell’operazione, quasi sempre i 2/3, mettendo al sicuro un guadagno e provvedendo alla chiusura dell’ultima parte dell’investimento nel momento in cui il mercato inizia ad essere ostile. Per poter guadagnare con lo scalping trading è importante comportarsi in maniera adeguata: questo significa evitare di farsi prendere dal panico dato che le operazioni saranno tante e non tutte è detto che possano finire in maniera positiva.

In tal senso è importante anche fissare degli stop loss non molto vicini al livello d’ingresso perché questo potrebbe portare alla chiusura anticipata della posizione.  E’ consigliato quindi osservare il grafico con un time frame più ampio, analizzando la direzione delle trend line, i supporti e le resistenze strategiche.

Questa tecnica di investimento può ovviamente portare diversi vantaggi come quello di avere tanti piccoli guadagni e limitare le perdite grazie all’apertura breve delle posizioni, ma ci sono anche degli svantaggi da non sottovalutare come lo stress e il fatto che sia una strategia che occupa molto tempo del trader, soprattutto se lo stesso vuole ottenere un guadagno cospicuo.