Le difficoltà del Giappone

di Gianni Commenta

Il Giappone è uno dei paesi cui prestare maggiore attenzione in questo periodo perchè sta affrontando una crisi economica senza precedenti. In più è aperto il discorso sull’invecchiamento della popolazione. Tutti particolari che potrebbero portare questa nazione nel breve periodo alle elezioni anticipate e sul lungo periodo al collasso. 

Il Giappone, rispetto all’Italia, quanto a debito pubblico è in condizioni peggiori. Il più alto livello di debito pubblico spetta proprio a questo colosso industriale asiatico. Il debito è più del doppio del PIL e sul lungo periodo la situazione potrebbe aggravarsi.

A pesare sul Giappone c’è l’invecchiamento rapido della popolazione, una vera e propria bomba demografica che potrebbe esplodere da qui al 2060. In quell’anno, che sembra ancora molto lontano, il 40 per cento della popolazione sarà in età pensionabile.

Il che vuol dire che il governo dovrà incrementare le entrate statali collegate al reddito, in più dovrà sostenere sempre maggiori spese per la sicurezza sociale e per la sanità.

Tra i primi provvedimenti varati dal governo c’è l’innalzamento al 10% dell’imposta sulle vendite che dovrebbe entrare in vigore dal 2015. Restando invece in un arco temporale ristretto occorre ribadire che il governo giapponese è alle prese con una moneta sopra-valutata considerata rifugio sicuro dagli investitori.

Lo yen è al 12,7% più alto dell’euro.