Le opzioni binarie Pair

di Gianni Commenta

La particolarità di questo genere di opzioni di coppia risiede nel fatto che è possibile trarre profitto anche se il titolo scelto subisce un calo, questo dal momento che ciò che conta non è l’andamento del titolo in se stesso, ma la sua performance in confronto al titolo posto a confronto. Quindi, anche se ad esempio si punta su un incremento, ed il titolo al numeratore non aumenta, ma il titolo al denominatore diminuisce, il rapporto tra i due cresce e quindi l’opzione binaria pair può chiudersi comunque in the money.

Le opzioni binarie pairs, in italiano opzioni di coppia o opzioni alla pari, rappresentano uno degli ulteriori strumenti finanziari che internet fornisce agli investitori. Si tratta di una nuova tipologia di opzioni dalla quale si può trarre profitto in maniera ancora più semplice, basta prevedere correttamente la performance relativa ad una coppia di titoli.

Nel dettaglio, il broker mette a disposizione una coppia di titoli, ad esempio Goolge e Apple, su tale coppia viene chiesto di prevedere se il rapporto dei titoli crescerà oppure diminuirà ad una data scadenza, e per questo si ottiene un payout. A differenza delle opzioni binarie classiche, come le alto/basso o le one touch, le opzioni pair mettono a confronto due asset differenti.

La particolarità di questo genere di opzioni di coppia risiede nel fatto che è possibile trarre profitto anche se il titolo scelto subisce un calo, questo dal momento che ciò che conta non è l’andamento del titolo in se stesso, ma la sua performance in confronto al titolo posto a confronto. Quindi, anche se ad esempio si punta su un incremento, ed il titolo al numeratore non aumenta, ma il titolo al denominatore diminuisce, il rapporto tra i due cresce e quindi l’opzione binaria pair può chiudersi comunque in the money.

Appare opportuno soffermarsi su un esempio concreto:

Il valore 0,48381 misura come specificato in precedenza il rapporto tra i titoli Apple e Google e continua a variare fino a quando non si acquista l’opzione. Dopo l’acquisto, il rapporto tra i due titoli viene fissato come strike price. Lo strike price è il prezzo che viene posto a confronto con il prezzo del rapporto a scadenza. Per cercare di prevedere quale sarà l’andamento del rapporto è necessario analizzare l’andamento di entrambi i titoli. Si può prendere ad esempio una opzione pair Apple vs Google con payout del’80%. Il valore del rapporto tra i due titoli è 0,48381. Il valore del rapporto è dato dal rapporto tra il prezzo di mercato di Apple (numeratore) e prezzo di mercato di Google (denominatore). Se investiamo 50€ su call, e alla scadenza il rapporto cresce, ad esempio passa a 0,49150, l’opzione scade in the money e quindi viene pagato un profitto dell’80%, che con un trade da 50€ rappresentano 40€.