News della settimana: l’Europa

di Gianni Commenta

In quest’ultima settimana di luglio le borse hanno provato ad impostare l’andamento di agosto, il mese di pausa, diciamo così che precede una fase intensa di trattative politiche ed economiche. Dopo uno sguardo all’Asia e agli States, ecco cosa accade in Europa. 

La borsa asiatica non è del tutto convinta che l’Europa se la passi male come gli analisti vogliono far credere e per questo scommette ancora sulla “sopravvivenza” della moneta unica del Vecchio Continente. Si aspetta così il 12 settembre, il giorno in cui la Germania deciderà se il fondo ESM è compatibile con la costituzione tedesca.

In America, invece, gli investitori sono sulle spine, aspettano di capire cosa è stato fatto concretamente per la riduzione del tasso di disoccupazione degli States. E in Europa?

In questi giorni il Vecchio Continente deve prendere atto di una serie di relazioni dell’Eurostat che descrivono quel che accade nel nostro territorio all’inflazione e alla disoccupazione. Partiamo proprio dalle notizie che arrivano dal mondo del lavoro.

Il tasso di disoccupazione della zona Euro, a luglio, è rimasto invariato rispetto al mese scorso, fisso all’11,2%. Gli analisti si aspettavano un incremento del tasso di 0,1 punti percentuali.

Anche l’inflazione è rimasta ferma al palo. A luglio, per il terzo mese consecutivo, non si registrano variazioni, sono soltanto aumentati i prezzi al consumo del 2,4%, così come avevano previsto gli economisti.