Tobin Tax: la City la teme

di Gianni Commenta

La Tobin Tax che serve a tassare le rendite finanziarie, in teoria, può essere applicata in tanti modi diversi e in base alla modalità scelta avere un esito diverso. Secondo il CEO di London stock exchange Group la Tobin Tax può avere un effetto cattivo, molto cattivo o pessimo. 

Secondo le parole di Xavier Rolet, dunque, l’imposta sulle transazioni finanziarie avrà come effetto quello di tagliere molti posto di lavoro. Insomma la Tobin Tax sarebbe meglio non farla, per tanti motivi. Il primo, citato da Rolet in un’intervista riportata da Il Sole 24 Ore, è che le imprese che hanno bisogno di raccogliere capitali saranno danneggiate da questa imposta.

Sicuramente i paesi saranno chiamati a scegliere sulla possibilità di avere un’imposta alta su pochi prodotti oppure una ritenuta di lieve entità ma su un numero più ampio di prodotti finanziari.

Secondo Rolet, gli analisti stanno facendo anche un altro grave errore considerando che la Tobin Tax sia soltanto una questione di responsabilità politica o qualcosa di “riservato” a chi opera nel mondo della finanza. Il fatto è che alla fine a fare le spese di questa situazione saranno risparmiatori e imprese.

Queste ultime, per essere finanziate, hanno bisogno che il ricorso al mercato sia sereno, invece l’azionariato è penalizzato sempre dalle imposte.