Bilanci 2012: l’euro è stato salvato

di Redazione Commenta

Spread the love

L’euro, la moneta unica, è stato salvato dalla crisi. Questa è l’opinione diffusa tra la maggioranza dei politici che per fare una stima dell’evoluzione futura, rivolgono uno sguardo al passato, tracciando un bilancio tutto sommato positivo del 2012. 

Questo 2012 non è certo da buttare alle ortiche, anzi, viste le premesse, vista la partenza, adesso si può dire che sia assolutamente migliorata la situazione. Qualcuno si spinge più in là dicendo che si tratta della migliore annata del periodo di crisi che stiamo vivendo.

Il lavoro fatto quest’anno è stato esemplare, dice Hollande che oggi guida la Francia. Fino a qualche mese fa l’Europa appariva in crisi e disunita, mentre adesso sembra che tutto sia cambiato. Monti è grosso modo della stessa idea del collega d’Oltralpe ma è anche molto più cauto e sottolinea che gli sforzi fatti quest’anno assicurano un margine di serenità per affrontare le sfide dell’economia del 2013. 

Angela Merkel, diversamente rispetto ad Hollande e Monti ci tiene a sottolineare non quello che è stato fatto, ma quello che resta ancora da fare: le riforme, quelle necessaria all’Europa per affrontare il momento difficile che le si prospetta davanti.

Fatte le premessi ci si sarebbe aspettati un accordo operativo, un piano preciso per il futuro, invece le previsioni e la definizione della tabella di marcia slittano al giugno del 2013.