Borsa: perso l’interesse per Berlusconi

di Gianni Commenta

Dopo la sentenza su Mediaset che vede coinvolto l’ex premier Silvio Berlusconi, si pensava ad un terremoto per la borsa italiana con ripercussioni anche sulle piazze europee. Invece sembra che il mondo della finanza abbia perso interesse per il Cavaliere. 

La Corte di Cassazione ha valutato corretto il processo Mediaset ed ha confermato la condanna per frode fiscale a carico sia di Berlusconi che di altri tre ex dirigenti del Bisciole. Adesso il Cavaliere dovrà scontare un solo anno, agli arresti domiciliari o tramite i servizi sociali. Gli altri tre anni sono coperti dall’indulto.

L’unica cosa sulla quale la Cassazione ha alzato le mani è l’interdizione dai pubblici uffici. In questo caso a decidere sarà la Corte d’Appello di Milano. Gli effetti di questa decisione in borsa, i più scontati, dovevano essere un crollo del titolo Mediaset ed un’impennata dello spread.

Invece, la borsa di Milano è sì in calo come quella di Londra con il Ftse Mib dato al -0,98 per cento ma il titolo Mediaset non è crollato, è soltanto rimasto in terreno negativo. Lo spread, invece, è stato osservato addirittura in calo ed è finito intorno ai 265 punti base. In calo anche il rendimento dei titoli tricolore, per esempio il Btp a 2 anni ha toccato i minimi storici.