Borse: rischi sì ma tanta euforia

di Redazione Commenta

Spread the love

Cosa sta succedendo in questo momento ai listini europei ed internazionali? Quale potrebbe essere il trend da qui a qualche mese? Ha provato a spiegare tutto un interessante articolo del Sole 24 Ore. 

L’analisi si fa partendo dai dati e i numeri, stavolta, parlano chiaro. La proposta di Draghi, trapelata qualche ora prima del discorso ufficiale, ha pompato i listini europei e messo un po’ in crisi la borsa di New York che si prepara in queste ore al discorso di Bernanke e quindi alla possibile ripresa. 

In pratica Draghi ha messo le ali alle borse europee sostenendo la disponibilità della BCE ad acquistare un numero illimitato di titoli di stato dei paesi in crisi. Gli investitori, però, sembrano non aver considerato i paletti posti dal presidente della BCE.

Il paese europeo che non rispetti le richieste della BCE riguardo alle misure per il risanamento economico, potrebbe non ottenere più l’aiuto di Draghi.

L’euforia, comunque registrata dai listini, dovrebbe trainare le borse fino alla fine di ottobre. Complice della situazione, l’attesa di Bernanke prima e di Obama poi. Il presidente uscente, infatti, ha definito una politica economica molto chiara per gli Stati Uniti. Se ottenesse un secondo mandato, l’euforia potrebbe contagiare anche le borse americane.