L’euro rimbalza dopo Draghi?

di Gianni Commenta

L’effetto Draghi si sente anche sul recupero dell’euro. Secondo un’accreditata analisi tecnica, dopo l’euforia scatenata dal Governatore della BCE, adesso l’euro potrebbe tentare il rimbalzo. Il tutto grazie anche ai dati macro USA che potrebbero indirizzare le borse mondiali. 

Davanti al rallentamento dell’economia cinese ci si chiede se anche tante altre grandi economie siano in recessione o comunque se debbano ritoccare al ribasso le stime di crescita del PIL. Dopo l’effetto Draghi ci si concentra sui dati che arrivano dall’America.

L’economia degli States, infatti, dovrebbe far registrare un tasso di crescita dell’1,2%, attualizzato al terzo trimestre. Un dato più basso di quel che si registrava all’inizio del 2012, nel primo trimestre quando si poteva contare su un aumento dell’1,9 per cento.

Gli analisti, adesso, hanno deciso di tenere in grande considerazione quel che sta accadendo a livello macroeconomico perché le borse e il dollaro potrebbero essere fortemente influenzate dal trend esposto. Ieri l’euro è rimbalzato per l’effetto Draghi.

Non è detto che il governatore della BCE non abbia dato il via ad una nuova tendenza. Il trend principale resta ribassista e e quindi si pensa che gli effetti della “rivoluzione” non siano immediati.

Chi investe in opzioni binarie deve tener conto dei trend e non solo di quel che le monete, il dollaro o l’euro, fanno registrare giorno per giorno.