Caffè, petrolio e acciaio, quel che succede sul mercato

di Redazione Commenta

Spread the love

Il mercato delle materie prime, in questo periodo, è condizionato molto dalla Cina. In primo luogo spicca la decrescita delle quotazioni dei semi di soia che abbiamo preso in esame in modo approfondito. Parliamo adesso del petrolio, dell’acciaio e del mercato del caffè.

Interviene la Cina nel mercato del petrolio e si configura come partner principale dell’Iraq. Questa posizione diventa possibile nel momento in cui l Petrochina, divisione della China National Petroleum Corp rileva la quota di Exxon Mobile. Si tratta di un giacimento iracheno di West qurna-1, lasciato dalla Exxon che si è concentrata sul business in Kurdistan.

Anche le quotazioni dell’acciaio si legano in modo importante alla Cina visto che è proprio sul mercato asiatico che crescono i prezzi in considerazione degli aumenti degli ordinativi. La produzione di acciaio in Asia è cresciuta del 5,1 per cento sotto la spinta dell’accelerazione dei lavori pubblici. Diverso è il discorso da fare per Stati Uniti e Unione Europea, dove invece la produzione è in calo.

Prendiamo infine in esame quel che è successo al caffè dopo la pubblicazione delle stime definitive del Conab, l’ente governativo brasiliano che ha evidenziato come il raccolto di caffè nel paese sia stato di 50,8 milioni di sacchi da 60 kg. Tutti parlano di record storico.