Apple non è più regina di Wall Street, deve cedere ad Exxon

di Redazione Commenta

Spread the love

Investire in opzioni binarie è sicuramente un modo per rischiare poco e guadagnare tanto, ma per risicare un po’ di più del solito, sarà bene fare delle piccole incursioni anche nel mercato.

In quello americano c’è un evento molto importante del quale erano già disponibili delle avvisaglie nelle settimane e nei mesi scorsi: l’inversione di tendenza dell’incedere di Apple. Il titolo dell’azienda di Cupertino non convince più come quando c’era Steve Jobs e così ci si ritrova a fare i conti con i giudizi perentori degli investitori.

Venerdì, alla chiusura della Borsa di New York, i mercati hanno fatto segnare delle performance settimanali, così buone, che non si vedeva una cosa simile dal 2004. Le maggiori compagnie americane hanno portato a casa degli incoraggianti dati trimestrali. Sicuramente ha avuto un peso positivo la decisione votata alla Camera, di far scivolare fino alla metà di maggio il voto sul tetto del debito.

Un momento che per i mercati si può definire euforico, questo qui. Non per tutti, ovviamente e parliamo proprio di Apple che è stata la nota stonata nell’incedere armonioso di Wall Street. Apple ha diffuso i dati trimestrali e si parla ancora una volta di crescita, ma l’incremento è ben al di sotto delle aspettative e così gli azionisti hanno pensato bene di scatenare le vendite.

Adesso la regina di Wall Street è Exxon a conferma del fatto che il petrolio è sempre, periodicamente, in cima ai pensieri degli investitori.