In primo piano anche Deloitte

di Gianni Commenta

Deloitte & Touche, l’azienda che si occupa di servizi contabili e di consulenza, è stata coinvolta in modo marginale da un’accusa di riciclaggio mossa contro la banca Standard Chartered. 

Chi investe in opzioni binarie – ormai l’abbiamo ripetuto più di una volta – deve guardare all’attualità finanziaria in modo davvero attento. Oggi, dopo aver illustrato quel che è successo ad Alitalia e WindJet, passiamo in rassegna l’affare Deloitte & Touche.

Questa società è stata lambita da un’accusa che le autorità americane hanno mosso non direttamente a Deloitte ma ad una banca britannica, la Standard Chartered. Il fatto è che all’interno di Deloitte lavorava un dirigente che in passato aveva prestato servizio anche alle amministrazioni USA sostenendo addirittura la raccolta fondi per Obama.

La questione è molto complessa perché il gigante finanziario Standard Chartered avrebbe coperto delle transazioni illegali di una nazione invisa agli Stati Uniti, l’Iran. In tutto si parla di 250 miliardi di dollari in 10 anni ripagate con commissioni ma a rischio di infiltrazioni terroristiche nel sistema.

In tutto questo panorama, Deloitte avrebbe facilitato le operazioni “criminose” della Standard Chartered. Una volta interrogati, però, i dirigenti hanno negato tutto, proprio mentre la banca britannica ammetteva transazioni irregolari per un totale di 14 milioni di dollari.

Le azioni di Deloitte, in questa confusione, potrebbero perdere valore, quindi è il momento di acquistare opzioni binarie che puntano sul ribasso dei titoli.