Forex: Unicredit Research punta sul franco in calo

di Gianni Commenta

Il franco svizzero è stato considerato per molto tempo una valuta in cui rifugiarsi e questa considerazione nel mondo del Forex aveva determinato un apprezzamento eccessivo della moneta elvetica. Poi l’inversione di tendenza e il calo costante del suo valore. Gli ultimi giorni hanno indicato però un altro cambio di trend. Recentemente, il mercato valutario, è stato interessato da un cambio repentino dell’andamento del franco svizzero che aveva accumulato diverse perdite, considerate provvidenziali per l’assunzione di rischi da parte degli investitori. In realtà tutto è cominciato dal declino delle quotazioni della borsa di Tokyo. Il trend descritto, infatti, ha portato gli investitori a liquidare le posizioni short di carry trading in relazione alle valute rifugio e quindi anche al franco.

La valuta svizzera e lo yen, per reazione, sono finiti nel bel mezzo di un trend rialzista. Si cerca di capire adesso quanto durerà tale movimento. Secondo gli analisti dell’Unicredit Research, sarà sufficiente arrivare alla metà della settimana, quando ci sarà la riunione della Swiss National Bank, per vedere il franco svizzero di nuovo in calo. La banca elvetica, infatti, ha intenzione di ribadire che il valore della moneta locale è troppo elevato.

La volontà annunciata è quella di aumentare il peg di 1,2 sul tasso di cambio tra l’euro e il franco.