Opzioni binarie vietate: tiriamo le somme

di Valentina Cervelli Commenta

Come viene vissuto il trading online dai risparmiatori in un contesto di opzioni binarie vietate? Il divieto istituito dall’ESMA ha per forza di cose modificato l’approccio delle persone a questo tipo d’investimento, rendendo necessario il trovare delle alternative.

Influenza stop opzioni binarie

Una delle principali comodità del trading online è rappresentata proprio dal fatto che basta un dispositivo che sia in grado di andare in rete per rendere possibili gli investimenti: esso era anche uno dei punti di forza legati alle opzioni binarie: gli interessati si collegavano alle piattaforme, facevano le loro “scommesse“, ovviamente frutto di strategie e studio, e potevano verificare eventuali guadagni. Ora tutto ciò non è più possibile, dato che non è più possibile fare trading sulle opzioni binarie al dettaglio.

Alcune persone continuano a investire sulle opzioni binarie cercando di lavorare su piattaforme non ESMA, rinunciando però in tal modo a tutte quelle garanzie che dovrebbero essere offerte quando si lavora su questo tipo di transazioni finanziare. Chiunque decida di optare per questo approccio lo fa a proprio rischio e pericolo, con il rischio di non vedere riconosciuti i propri guadagni o di essere tutelati dai truffatori.

Come fare trading online sicuro

I divieti dell’Esma sono si limitanti ma dovrebbero essere presi come un tentativo dell’Unione Europea di salvaguardare i risparmiatori degli Stati membri da difficoltà economiche e truffe derivanti da uno scorretto approccio alle opzioni binarie. Investire online è qualcosa alla portata di tutti a patto che si sappia ciò che si fa. Cosa significa questo? Conoscere la materia e la sua regolamentazione in modo tale da muoversi in modo corretto. Rispetto al passato, Internet ha reso possibile l’accesso a molti mercati che prima erano off limits per molti investitori proprio per la difficoltà di entrata negli stessi: ora grazie ad applicazioni dedicate questo non è un più un problema. Ma lo è allo stesso tempo perché in grado di attirare molte persone che non sanno quel che fanno.

Forex, obbligazioni, CFD: proprio perché le opzioni a disposizione sono molte di più i rischi crescono sensibilmente. Il fatto che l’ESMA abbia reso possibile investire sulle opzioni binarie solo se si dispone di una liquidità di almeno 500 mila euro, si può provare di operare costantemente nei mercati (esecuzione di almeno dieci operazioni di compravendita in ciascuno degli ultimi quattro trimestri, N.d.R.)  e si abbia esperienza professionale di almeno un anno presso un intermediario finanziario o un broker, ha decisamente cambiato le carte in tavola.