Avvio in rosso per piazza Affari

di Gianni Commenta

Piazza Affari apre i battenti in perdita, con il FTSE Mib che decresce dello 0,23 e con l’All Share che prede lo 0,21 per cento. Anche lo spread – e questa è una buona notizia – si allontana dalla soglia dei 300 punti viaggiando a quota 271.

Che lo spread sia in discesa fa soltanto piacere all’Italia che in questo momento di debolezza politica, forse, riesce a recuperare qualche investimento  nonostante il parere contrario delle banche d’affari. Per quanto riguarda gli indici, invece, siamo di fronte ad un calo “generalizzato” anche negli altri mercati d’Europa.

Queste notizie di una flessione degli scambi si legano sicuramente alla diffusione dei dati sul PIL che riguardano la Francia e la Germania che hanno comunque apportato delle modifiche positive alle previsioni più morigerate che erano state fatte nei giorni precedenti.

Questo non toglie che poi il DAX di Francoforte abbia perso sul terreno lo 0,2 per cento, un calo che è stato uguale anche per il CAC40 di Parigi. Londra, invece, è rimasta stabile e le perdite maggiori sono state registrate in Spagna dove l’IBEX è crollato dello 0,5 per cento.

Dall’altra parte dell’Oceano, Wall Street, sembra impermeabile all’andamento dei singoli stati del Vecchio Continente e nell’attesa del G20 del fine settimana, affila le dica con un andamento a singhiozzo e una prima parte di giornata chiusa con debolissime flessioni.