Forex: nessuno vuole rischiare

di Gianni Commenta

Tutto quello che è successo nel caso dell’oro, dimostra che in fondo gli investitori sono avversi al rischio, non hanno nessuna intenzione di perdere soldi e vogliono soltanto asset sicuri in cui mettere al riparo i risparmi.

Per quanto riguarda le materie prime, l’oro ha subito una brusca battuta d’arresto dopoché era arrivato ai minimi, il suo valore ha subito un rimbalzo. L’oro è stato scambiato a quota 1.450,00 dollari l’oncia e molti investitori hanno anche pensato ai target in caso di rottura ribassista. Cosa dimostra però tutta questa situazione?

Le quotazioni dell’oro sono state battute anche a 1.321,59 e 1.322,14 dollari e poi è iniziata la correzione del valore di questi asset. Il superato dei minimi fatto registrare dal mercato, potrebbe ancora palesarsi ma quel che più conta è vedere contemporaneamente come si comporta il mercato Forex.

Gli investitori, infatti, stanno comprando il dollaro contro tutto e lo yen sta recuperando terreno su tutte le altre valute, compreso il dollaro e l’euro. Questo vuol dire che siamo di fronte ad un rimescolamento del portafoglio, operato dagli investitori istituzionali che sono andati a vendere tutte le situazioni di rischio, per operare acquisti più remunerativi.

Tutto si compie prima dell’inizio del G20 che potrebbe modificare qualche vettore.