L’Europa teme le elezioni italiane

di Gianni Commenta

Si avvicina il Carnevale e si avvicinano anche le elezioni politiche ed amministrative italiane. Strana coincidenza, ma a parte gli scherzi, autorizzati dal contesto carnevalesco, le urne spaventano molto i listini e piazza Affari crolla

E’ scattato il count down: -20 giorni alle elezioni italiane e i titoli in borsa sembra essere zavorrati sia dal timore del risultato elettorale, sia dalla precarietà delle quotazioni dei titoli bancari. Ma è soprattutto la politica a tenere banco visto che l’Europa teme un rientro di Berlusconi a Palazzo Chigi, perché l’ex premier è considerato antitetico alle necessarie politiche di austerità e alle riforme strutturali.

Sono sempre i conti pubblici ad essere protagonisti di quel che accade a Wall Street. La borsa americana, in più, sembra ostaggio delle minacce dell’agenzia di rating Fitch, benché sia in atto un’altra battaglia tra Obama e l’agenzia di rating Standard&Poor’s. In questo secondo caso ci sono di mezzo i vecchi mutui subprime, ma poco importa se poi i conti pubblici non tornano.

In controtendenza rispetto ai mercati europei e americani è la borsa di Tokyo che ha fatto un salto del 3,8 per cento e si è riportata ai livelli massimi che non registrava dal settembre del 2008.

Cedono intanto tutti i principali listini, compresa piazza Affari dove la ripresa è del tutto irrisoria.