Manovre economiche: il caso Italia

di Gianni Commenta

La definizione della manovra economica tricolore può determinare una serie di modifiche ai conti del nostro paese ma può anche influire sul sentiment degli investitori che si ritrovato a fare i conti con l’affidabilità o con la poca lungimiranza di una serie di provvedimenti. 

In Europa, tutti i paesi, hanno firmato il Patto di Stabilità, impegnandosi a raggiungere il pareggio di bilancio strutturale con una serie di finanziarie che si basano, fondamentalmente, sull’aumento delle tasse per imprese e lavoratori e sui tagli alla spesa pubblica.

Oggi prendiamo in esame la manovra italiana per aiutare gli investitori nelle loro valutazioni, considerando che chi investe in opzioni binarie deve legare le manovre economiche ai movimenti dello spread e all’andamento della borsa.

In Italia la legge di stabilità è stata approvata alla metà d’ottobre e il governo prevede che nel triennio 2013-2015 l’Italia uscirà dalla crisi, partendo proprio dal raggiungimento del pareggio di bilancio. All’inizio aveva previsto un taglio dell’Irpef per i due scaglioni più bassi e un aumento dell’Iva, ma Grilli ha spiegato che è stato raggiunto un accordo con la maggioranza per far restare le aliquote allo stesso livello e poi usare i soldi per ridurre il costo del lavoro.

Il passo indietro sul versante tasse è stato controbilanciato da una conferma delle iniziative per il taglio della spesa pubblica, per esempio con il blocco fino al 2014 degli stipendi dei dipendenti pubblici.

L’obiettivo, interessante per chi acquista opzioni binarie, è portare il rapporto tra debito e Pil al 127,1 per cento, visto che il Pil, almeno l’anno prossimo, dovrebbe essere ancora in discesa dello 0,2%.