Italia: Saccomanni parla dell’aumento IVA

di Gianni Commenta

L’Italia è sicuramente uno dei sorvegliati speciali dell’Unione Europea. Dopo l’avvento del premier Letta e del suo gabinetto, gli investitori sono interessati a capire quali saranno le prossime mosse del nostro paese con riguardo alla politica economica. Alcune indicazioni, soprattutto di stampo fiscale, in questi giorni le sta dando il ministro dell’Economia. 

Si sa che quando parla un ministro dell’economia, gli analisti, gli investitori e gli altri attori del mercato finanziario, sono con le orecchie tese. Ci potrebbe, infatti, essere qualche indicazione utile per comprendere gli scenari futuri di un paese e di un continente. Per quanto riguarda l’Italia ci sono due considerazioni da fare.

La prima è che adesso sono tutti concordi nel “pensionare” l’austerity che in qualche modo ha contribuito con Monti alla rimessa in sesto dei bilanci dello Stato ma adesso sta facendo aggravare la condizione di recessione del paese. La seconda considerazione è legata al fatto che il rilancio dell’economia è stato basato molto sull’aumento delle imposte e con il nuovo premier si spera in una modifica della strategia.

La nomina di Letta è stata accompagnata da una serie di notizie sull’abolizione dell’IMU, lo stop all’aumento dell’IVA e via dicendo. Saccomanni, invece, ha spiegato che l’aumento dell’IVA programmato per luglio, ci sarà ugualmente ma saranno introdotte delle modifiche alla fiscalità già dal 2014, anno in cui, finalmente, il nostro paese dovrebbe essere fuori dalla procedura europea per deficit eccessivo.