Italia: dall’IMU una pugnalata alle imprese

di Gianni Commenta

Chi investe in opzioni binarie cerca sempre di comprendere quali sono i trend economici che interessano una certa nazione. Adesso c’è da capire come si evolverà la situazione italiana dopo che è stato scelto che la sospensione dell’acconto IMU vale solo per alcuni.

Il grande problema del governo Letta è che in questo momento sta mettendo le mani nei conti di un paese in deficit. Per cui da un lato vuole rispettare gli impegni presi con l’elettorato e con i deputati che hanno sostenuto il governo di larghe intese, dall’altro deve fare i conti con una situazione economica disastrosa.

Infatti, nell’agenda, ci sarebbero l’abolizione dell’IMU e il rifinanziamento della cassa integrazione, come elementi prioritari ma per sospendere l’IMU ci servono troppi soldi, una manovra da 5-6 miliardi di euro che attualmente è impraticabile.

Per questo motivo, il governo ha fatto un passo indietro ed ha deciso di sospendere sì l’acconto IMU di giugno ma soltanto per alcune categorie di contribuenti e cittadini. E’ stato definito che a non pagare l’IMU il 16 giugno saranno soltanto i proprietari di una prima casa, mentre chi ha altre proprietà e chi ha un’impresa, dovrà sottoporsi al prelievo fiscale.

Non sarà mica il colpo di grazia per le PMI tricolore?