Si allontana l’uscita dalla crisi

di Gianni Commenta

La crisi economica europea ed italiana sembrava ormai conclusa al punto che il 2013 avrebbe dovuto essere l’anno della ripresa. Invece il momento più florido si è allontanato e per l’anno prossimo sono previsti soltanto tanti rincari. 

Il 2013 è un anno molto complesso da decifrare, anche per gli analisti ma ormai sono tutti concordi nel distinguerlo dall’anno della ripresa. Anzi, l’anno che sta per entrare sarà ancora più difficile perché la crisi si potrà misurare nei rincari dei prodotti e dei servizi che faranno salire il costo della vita.

L’Osservatorio nazionale di Federconsumatori è convinto che ogni famiglia dovrà sborsare 1490 euro in più per fare la stessa vita parsimoniosa del 2012. La ricaduta sull’economia reale sarà molto pesate quindi e passerà dagli aumenti proposti per l’IVA, per l’IMU, per il canone RAI.

Non mancano gli aumenti per i mutui che arriveranno a costare circa 72 euro in più al mese, oppure per l’RC Auto che è obbligatoria e assorbe il 5 per cento di un reddito complessivo di 30 mila euro.

Le famiglie sono in crisi ma non se la passano meglio coloro che offrono prodotti e servizi agli italiani, per esempio i commercianti che sanno già che in periodo di saldi soltanto il 40 per cento delle persone potrà permettersi pochi acquisti.