Yen: si prepara la Banca del Giappone

di Gianni Commenta

La Banca Nazionale Giapponese annuncerà oggi la sua decisione. Si profila un nuovo intervento che dovrebbe in qualche influire sulla valutazione dello yen

La settimana in corso chiuderà il mese di ottobre e darà il via al penultimo mese dell’anno solare ma gli analisti prevedono questo passaggio un po’ difficoltoso, nel senso che il periodo dovrebbe essere caratterizzato dall’elevata volatilità dei mercati.

Il dollaro americano, per esempio, in questi giorni ha guadagnato parecchio sulle valute considerate beni di rifugio e non mancherà di apprezzarsi ancora in virtù dell’approssimarsi delle consultazioni presidenziali. Allo stesso tempo l’Europa cerca nuove strategie per combattere contro la crisi.

Oggi sarà molto importante capire le mosse della Bank of Japan che ha lasciato invariati i tassi d’interesse dal 2008 allo 0,10%, ma potrebbe ampliare il programma di Quantitative Easing con 10 mila miliardi di yen. In questo caso il cambio USD/YEN dovrebbe impennarsi.

Sempre oggi, Draghi, dovrebbe fare il suo discorso illustrando la strategia della BCE che sembra voler insistere nell’acquisto di titoli di stato. Si parlerà molto della Spagna, della Grecia e della possibile deflazione.

Infine, c’è da tenere presente un altro appuntamento importante: la pubblicazione dei dati sulla fiducia dei consumatori americani, messa a punto dall’Università dei Michigan. Il sentiment degli americani è salito da settembre ad oggi.