La guerra delle valute

di Redazione Commenta

Spread the love

Chi opera nel mercato valutario attraverso le opzioni binarie, in questo ultimo periodo, si sarà reso conto dell’importanza delle decisioni prese dalle banche centrali che – analizzando bene la situazione – stanno cercando di svalutare la moneta riferimento. Come mai?

Chi analizza il mercato valutario e conosce qualche nozione di politica monetaria, sa che una moneta, per essere considerata solida deve essere stabile su un buon valore. Il problema è che in una fase di crisi economica come la nostra, una moneta troppo forte rischia di deprimere le esportazioni.

Cerchiamo di spiegarci meglio: le banche centrali stanno mettendo in campo delle strategie per svalutare le monete nazionali . Ultimo in ordine cronologico è il caso dello yen giapponese. Questo accade perché se gli investitori fuggono dall’America e dall’Europa, allora capita che le valute considerate bene di rifugio attirino gli investitori.

Il problema è che in questo modo aumentano il loro valore prefigurando da un lato una possibile deflazione e dall’altro riducendo in modo sensibile le esportazioni che diventano sempre più costose. Una riduzione delle esportazioni vuol dire anche crollo delle vendite, diminuzione dei posti di lavoro e aumento dell’inflazione.

Oggi i programmi della Fed e della BCE hanno richiesto un intervento supplementare della Banca del Giappone che ha dovuto studiare una strategia di difesa.