Da collocare il 3,4 per cento di ENI

di Gianni Commenta

Il mondo delle opzioni binarie è legato al mondo azionario, nel senso che tramite questi strumenti finanziari facili e semplici da usare, come opzioni, si può anche scommettere sull’andamento di un titoli in borsa, senza fare necessariamente trading. 

Chi investe in opzioni binarie e vuole correre qualche rischio in più, può provare a scommettere sull’andamento dei titoli in borsa. Oggi, sotto osservazione, c’è il titolo Eni. Quest’azienda, infatti, deve collocare il 3,4 per cento delle sue azioni che derivano dalla dismissione all’interno del riassetto di Snam Rete Gas.

Secondo alcune indiscrezioni finanziarie, le banche, oggi, sembrano pronte a collocare il 3,4 per cento dell’Eni che la Cdp deve dismettere. Le migliori banche d’affari si stanno muovendo per oliare il sistema e concludere al più presto l’operazione.

Sembra che siano coinvolti nell’affare UniCredit, JP Morgan e Mediobanca. Adesso che la stagione più volatile per i mercati si può dire arrivata alla sua naturale conclusione, l’obiettivo potrebbe essere far partire da settembre in poi l’operazione di vendita.

Le banche sopracitate, quindi, potrebbero avere presto l’incarico. Sicuramente si tratta del momento ideale per fare affari visto che il mese di agosto è stato provvidenziale si per piazza Affari, sia per l’Eni. La borsa Italia ha guadagnato complessivamente l’8,7 per cento e l’Eni può vantare un attivo del 4,6 per cento.