Economia: la deflazione greca si supera guardando il Giappone

di Redazione Commenta

Spread the love

I paesi della zona euro non sono affatto vicini alla ripresa economica. Lo stesso Draghi è stato costretto a posticipare la ripresa parlando di 2014. Un discorso, quello del presidente della BCE, che ha gettato molti nello sconforto.

L’Europa, tuttavia, è un continente che presenta numerosi casi nazionali. Ci sono paesi che hanno rischiato il default come la Grecia e Cipro e che sono stati salvati con grandi sforzi diplomatici ed economici. Ci sono paesi periferici che rischiano in contagio, si pensi alla Slovenia, oppure alla stessa Italia e alla Spagna. Infine ci sono dei paesi che trainano l’economia e che tutto sommato da queste profonde diversità nazionali traggono anche la loro forza. Si pensi alla Germania. In quest’ultimo insieme non c’è la Francia che sta attraversando una crisi profonda.

All’Europa di recente ha dedicato un report anche FMI che nel suo Global economico outlook ha spiegato che la strada della ripresa è lontana e in salita e che il paese che dovrebbero crescere più di tutti come la Grecia, è in deflazione. La soluzione giusta per Atene, però, è a portata di mano e si chiama Giappone.

Questo paese ha deciso di riportare l’inflazione al suo interno puntando all’aumento del costo della vita almeno del 2 per cento e programmando un nuovo piano di quantitative easing.