Emirati Arabi: investimenti difficili

di Gianni Commenta

Chi investe nelle opzioni binarie, in genere, o si butta nel ForEX, quindi sul mercato valutario dove hanno un’importanza strategica le condizioni delle nazioni e gli accordi tra gli stati, oppure punta tutto sulle materie prime. in questo caso ecco qualche notizia interessante.

Se siete di quelli che investono nelle opzioni binarie legate al mercato delle materie prime, sappiate che uno dei mercati più difficili per definire delle strategie di guadagno, è senz’altro quello degli Emirati Arabi. Si spiega facilmente il perché.

Gli Emirati Arabi detengono il 10 per cento delle riserve petrolifere mondiali e il 4 per cento delle riserve di gas naturale quindi la loro economica, negli ultimi decenni, è cresciuta in modo esponenziale. Oggi hanno un PIL che vale 360 miliardi di dollari.

Il problema è che la loro economia, pur essendo molto corposa, è legata al ciclo economico internazionale e alla domanda che nel mondo c’è per petrolio e gas. Oggi, quindi, scegliere per noi occidentali un prodotto “stabile”, sul mercato degli Emirati Arabi, è estremamente difficile.

Gli analisti suggeriscono di prendere spunto dalle quotazioni del Dow Jones UAE 25 che riassume i titoli azionari che per liquidità possono essere considerati di riferimento sui listini degli Emirati. Nei primi mesi del 2012 questo indice è cresciuto del 20% ma mediamente si parla di crescita del 9,55%.