In crisi il settore dei diamanti

di Redazione Commenta

Spread the love

Ci sono dei settori economici dove l’idea che ci sia la crisi o che si sente l’effetto della crisi internazionale, spaventa a morte, eppure bisogna iniziare a farci l’abitudine. Parliamo del settore dei diamanti.

Molte sono le opzioni binarie che si possono comprare e fanno riferimento al mercato delle materie prime. Oggi analizziamo quel che succede nel settore dei diamanti, sperando di dare notizie utili agli investitori.

Il dato di fatto è un calo della domanda di diamanti da parte dei consumatori, cui si unisce nell’ultimo periodo anche un calo della domanda dei centri per il taglio e la lavorazione delle gemme. Quest’ultima attività è molto particolare.

Per il 75% circa la lavorazione dei diamanti si fa in India. Il resto avviene in Europa, in particolare ad Aversa. Questa cittadina del nord del Belgio è al centro del commercio di pietre preziose nel Vecchio Continente. Adesso però il settore è in crisi.

A dirlo è il CEO della De Beers, una società controllata da Anglo American, responsabile del 40% della produzione di diamanti grezzi nel mondo. Il suo primo semestre 2012, infatti, si è chiuso con un taglio del 50% del monte dei profitti, in relazione a quanto accaduto nello stesso periodo del 2011.

I profitti semestrali sono passati dall’essere 1,02 miliardi nel 2011 ad essere 502 milioni di dollari nel 2012. Le vendite, poi, hanno subito una riduzione del 14% arrivando così a 13,4 milioni di carati.