Gli investitori puntano sull’euro

di Gianni Commenta

L’effetto Draghi è stato davvero intenso sulla valutazione della moneta unica del Vecchio Continente, basta pensare che l’euro ha guadagnato rispetto a moltissime valute: il dollaro, ma anche lo yen e il dollaro australiano. Ecco un riepilogo delle azioni che hanno stimolato il mercato. 

Mario Draghi, alla fine di luglio aveva detto al mondo che sperava gli credessero riguardo l’euro perché la BCE avrebbe fatto tutto, ma proprio tutto, per salvare la moneta unica. Il mercato gli ha creduto e in effetti dalle sue parole prima dell’estate, la moneta dell’UE si è apprezzata rispetto alle altre valute.

Un’analisi a volo d’uccello del mercato ForEx dimostra che la Banca Centrale Europea ha praticamente preso per mano la moneta unica e le ha dato la possibilità di crescere rispetto al dollaro, in primo luogo, ma anche rispetto allo yen e al dollaro australiano.

Il dollaro americano, per esempio, è stato contemporaneamente indebolito dal QE3 proclamato dalla Fed e così l’euro ha guadagnato l’8,86 per cento. Rispetto allo yen l’euro è passato da quota 94,3 a quota 102,93. Infine, rispetto al dollaro australiano, l’euro si è apprezzato del 6 per cento.

Questo vuol dire che gli investitori credono nei propositi di Draghi e l’hanno dimostrato spostando sulla moneta unica i loro flussi d’investimento. Informazioni utilissime, queste, per chi investe nel mercato ForEX con le opzioni binarie.