Opzioni binarie: Italia a rischio sul deficit

di Gianni Commenta

Il nostro paese è continuamente minacciato nella sua stabilità e nel rating, dalle agenzie che si occupano di stabilire l’affidabilità dei titoli tricolore. Adesso, però, sui conti italiani sembra esserci l’intervento di un esponente di spicco dell’UE.

I giornali riferiscono che ci sono fonti molto vicine a Olli Rehn, l’attuale commissario per gli Affari Economici, che addita il rischio corso dall’Italia con un deficit al 2,9 per cento per il 2013. Con una percentuale così alta, infatti, si allunga il tempo necessario per uscire dalla procedura d’infrazione aperta contro il nostro paese.

A rispondere per le rime ad Olli Rehn ci ha pensato Mario Monti che da ex premier prova a rassicurare i mercati come ha fatto in tutto l’anno che si è seduto a palazzo Chigi: l’Italia sarà fuori dal programma già ad aprile, si attende infatti un decreto in tempi molto brevi.

In questo lasso di tempo, tra l’altro, come ha annunciato Grilli, ci sarà il tempo di erogare un piano di 40 miliardi di aiuti che andranno a rimborsare le imprese. Una misura che non risolve la situazione drammatica del nostro paese ma in qualche modo dà respiro al tessuto industriale nostrano. Sia Confindustria che Confartigianato, infatti, hanno sottolineato che l’ossigeno è finito e si rischia il collasso.