Qualche informazione sull’economia irlandese

di Gianni Commenta

I paesi di cui è difficile interpretare il trend sono poi quelli più interessanti per chi investe in opzioni binarie e cerca sempre di anticipare i suoi competitors. Tra i paesi che possono diventare oggetto di una bella “speculazione” possiamo citare sicuramente l’Irlanda.Nel 2012 l’Europa è stata attraversata da una profonda crisi che ha richiesto ai vari governi la messa in campo di politiche di austerità molto “costose” per i cittadini. Adesso, in questo anno appena avviato, si dovrà dimostrare che gli sforzi richiesti alla popolazione non sono stati vani.

Intanto, però, l’Irlanda sta dimostrando che ci sono diversi modi per reagire. Questo paese aveva avviato un programma di salvataggio nel 2010 ed ora, alla fine del 2013 tira le somme per capire se ha la possibilità di rientrare “vincente” nei mercati obbligazionari.

Per il momento i rendimenti sui titoli di stato che scadono nel 2020 sono scesi dall’8,5 al 4,5 e si stima, per il 2013, una nuova emissione di titoli obbligazionari che consenta al paese di mettersi in tasca liquidità pari a 10 miliardi di euro.

Resta soltanto da capire quanto l’economia irlandese può essere considerata “stabile”. Per rispondere basterebbe allora ascoltare le parole del Fondo Monetario Internazionale. Il FMI, infatti, è convinto che l’Irlanda reggerà e che il suo PIL crescerà ancora e più dello 0,4 per cento incassato nel 2012.