USA: i dati sulle vendite al dettaglio

di Gianni Commenta

Le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono state peggiori del previsto, almeno sulla base dei report che gli analisti finanziari avevano stilato. Un ulteriore tassello nel mosaico della crisi che imperversa in ogni angolo della terra.

Le vendite al dettaglio negli Stati Uniti hanno lo stesso valore del sentiment espresso dai consumatori, in pratica riesco a dare il polso della situazione, riescono a descrivere quanto i cittadini credono nella ripresa del paese e quindi nello sviluppo dei consumi.

Il dato sulle vendite al dettaglio degli Stati Uniti, l’ultimo a nostra disposizione, si riferisce al mese di giugno ed è stato peggiore del previsto. Si pensava che le vendite dovessero crescere dello 0,8 per cento, invece una crescita c’è stata ma molto più lieve. Si parla soltanto dello 0,4 per cento su base mensile.

In corrispondenza di questo report ne è stato pubblicato anche un altro relativo all’indice Empire Manufacturing che è cresciuto da 7,84 ai 9,46 punti soltanto nel mese di luglio. In questo caso specifico, il dato è stato superiore alle attese degli analisti.

Il contraccolpo nel settore forex non poteva mancare e infatti si sono scatenate le vendite sul dollaro americano, in precedenza al centro di una serie di rialzi notevoli.