Borsa scossa dal preoccupazione del debito USA

di Redazione Commenta

Spread the love

Il debito americano preoccupa le borse, in generale, ma Piazza Affari sembra molto più concentrata sull’erogazione dei titoli di Stato  e reagisce con entusiasmo alla novità relativa al BTp.

Wall Street è da tempo sotto pressione per la situazione finanziaria degli Stati Uniti e quindi ha fatto delle aperture un po’ contrastate che hanno avuto degli strascichi anche sui mercati europei e su quello italiano. Piazza Affari, però, non ha subito più di tanto lo scossone, essendo concentrata sui nuovi BTp e sulla promozione ottenuta dall’agenzia di rating Fitch.

Al nostro paese è stato in qualche modo riconosciuto il buon lavoro fatto sui conti pubblici nell’ultimo anno, quindi durante il governo Monti che ha consentito all’Italia di avvicinarsi moltissimo ad una condizione di stabilizzazione del debito pubblico.

Ma quali sono le notizie che hanno portato scompiglio negli USA? In primo luogo i prezzi alla produzione, i cui dati, pubblicati nella giornata di ieri, sono ancora in discesa per la terza volta consecutiva. In più sembra che l’attività manifatturiera stenti a riprendersi e l’indice Empire State è ancora negativo.

Gli investitori, in più, sono molto preoccupati delle convinzioni di Bernanke e Obama che non vogliono alzare il tetto del debito. Una negazione, questa, che indispettisce l’agenzia Fitch che minaccia di riesaminare il rating americano.