Difendere l’oro in un momento di crisi

di Redazione Commenta

Spread the love

Il prezzo dell’oro potrebbe continuare a crescere grazie anche alla decisione di molti investitori di mettersi al sicuro nascondendo i risparmi sotto il lingotto. Un modo di dire che simboleggia la sempreverde attenzione rivolta ai cosiddetti portafogli aurei. L’oro, al di là delle valute forti, è da sempre considerato un buon investimento in momenti di crisi, un cosiddetto bene rifugio in grado di mantenere un rendimento alto per i risparmi degli investitori. Lo dice anche il comportamento di coloro che investono in borsa e in opzioni binarie.

Sono aumentate infatti le opzioni sul metallo giallo che scommettono sul rialzo costante dell’oro fino alla fine dell’anno e per tutto il 2013. Chi si rifugia nell’oro, generalmente, acquista quote di fondi specializzati, titoli auriferi e se ha proprio un bel po’ di denaro da parte compra proprio Etf fisici, vale a dire che mette nei forzieri della banca un lingotto vero. L’acquisto di un bene del genere, oggi, vale qualcosa come 44 mila euro.

Non è difficile immaginare che nel 2013 l’oro sarà ancora forte perché la Grecia stenta a ripartire, le economie maggiori sono in affanno, aumentano i tagli e le tasse e pochi sono gli investimenti sulla crescita. Secondo il  responsabile del Servizio oro di Banca Etruria, intervistato dal Sole 24 Ore, l’oro è ancora destinato a crescere di valore sui mercati finanziari.