Gran Bretagna: sempre più alto il rischio di uscire dall’Europa

di Gianni Commenta

La Gran Bretagna, in questo momento, sta attraversando una fase economico-finanziaria molto delicata e molti osservatori, ancora una volta, danno la colpa alle Olimpiadi che sono costate molto più del previsto. C’è poi un fattore politico “aggravante”.

La Gran Bretagna è economicamente in difficoltà anche se l’andamento della sterlina ha dimostrato che la valuta inglese sopporta molto bene le oscillazioni del Forex. Non siamo davanti ad una questione valutaria, infatti il fattore politico è molto più importante in questo momento.

Nelle ultime elezioni locali, infatti, ha vinto il partito Ukip guidato da Nigel Farage che ha raggiunto quota 26 per cento. Nel 2009 il partito in questione era fermo al 12 per cento. Nelle prossime elezioni europee prima e politiche poi, potrebbero migliorare molto la loro posizione.

L’Ukip inglese è paragonato da molti osservatori al Movimento 5 Stelle, in realtà con il partito italiano condivide soltanto il sentimento antieuropeo. Per il resto Farage è da considerarsi ispirato ad un forte senso democratico. Il suo unico obiettivo è quello di emancipare il paese dalle istituzioni europee e grazie alla crisi economica che ha messo in difficoltà la popolazione, ottenere l’uscita dall’Europa potrebbe essere molto facile.

L’Europa perderà una pedina fondamentale e anche la Gran Bretagna, in prima battuta, potrebbe soffrire la scelta, poi però, tutto dovrebbe andare meglio.