Regno Unito: la sterlina vola in un trimestre d’oro

di Redazione Commenta

Spread the love

Il Regno Unito, dalle Olimpiadi in poi (anche se le avvisaglie di una crisi c’erano già state) può essere considerato un sorvegliato speciale. Fa parte dell’Eurozona ma non è entrato nell’euro e il suo potere, nel mercato Forex, è consistente. 

A livello analitico e per gli investimenti, è molto importante l’andamento del primo trimestre del 2013. Il fallimento delle analisi, infatti, può compromettere anche la view futura e le prospettive legate al periodo che va da oggi fino alla fine dell’anno.

Nel primo trimestre del 2013, il PIL del Regno Unito è cresciuto dello 0,3 per cento su base trimestrale ed è in fondo un ottimo risultato se paragonato alla contrazione analoga, sempre dello 0,3 per cento dell’ultimo trimestre dell’anno scorso.

Il risultato indicato è anche migliore di quello che si aspettavano gli analisti finanziari che aspiravano ad un miglioramento delle condizioni del PIL pari allo 0,1 per cento. Tendenzialmente l’economia britannica è avanzata dello 0,6 per cento. Anche la reazione della sterlina a questa situazione è stata buona con un incremento del valore della moneta inglese.

Il tasso di cambio tra sterlina e dollaro è cresciuto molto in pochissimo tempo, è passato da 1,53 a 1,54. Si tratta del livello massimo registrato da oltre due mesi. Il pound è acquisto bene anche sull’euro.