Francia: ce la fa a superare la crisi?

di Gianni Commenta

In America si ritiene che il Vecchio Continente stia attraversando un momento ancora molto difficile tanto che prevedere la ripresa entro la fine dell’anno prossimo è quanto meno audace. Poi, non si può fare di tutta l’erba un fascio e bisogna considerare con urgenza soltanto alcune situazione. Il New York Times si concentra sulla Francia. La Francia è la vera bomba ad orologeria d’Europa. Dall’America il campanello d’allarme è suonato più volte visto che alla flessione della Francia è corrisposto un aumento del potere della Germania. La Francia nonostante il cambio al vertice tra Sarkozy e Hollande ha dovuto arrendersi ad un abbassamento del rating che adesso la confina più vicina ai paesi di serie B e più distante dai paesi con la tripla A.

Il problema, come al solito, è nelle riforme che devono sostenere gli stimoli monetari. La Francia deve mettere in campo tutte le risorse disponibili per completare la riforma fiscale e poi quella del mercato del lavoro. Secondo il corrispondente a Parigi del New York Times, la situazione è molto complessa e la ripresa potrebbe non essere dietro l’angolo.

Non si parla soltanto di ripresa, infatti, ma d’inversione di un intero ciclo economico. La domanda sulla resistenza della Francia alla situazione, adesso, ossessione gli osservatori e gli opzionaristi.