Giappone: vince Abe e lo yen è debole

di Redazione Commenta

Spread the love

La borsa di Tokyo parte la settimana a rallentatore e dopo la notizia relativa alla vincita di Abe nelle elezioni della Camera Alta, lo yen crolla, indebolito proprio dal risultato della consultazione. Cosa sta succedendo in Asia?

La borsa di Tokyo debutta nella settimana finanziaria con qualche cattiva notizia per gli investitori, visto che l’indice Nikkei-225 ha dovuto lasciare sul terreno ben l’1,3 per cento andando a finire a 13.062 punti. Una condizione, quella del ribasso giapponese, che in realtà ha coinvolto tutti i maggiori listini asiatici.

Per esempio l’indice Msci Asia Pacific ha fatto registrare i livelli minimi mai raggiunti negli ultimi 9 mesi di attività. Riguardo l’incidenza del risultato elettorale sull’andamento dello yen si scopre che la vittoria del partito conservatore di Shinzo Abe e la possibilità che l’Abenomics continui, ha determinato un calo dello yen, generando anche un clima di rigetto per il rischio d’investimento e il calo della borsa giapponese.

Sul fronte valutario  il cambio tra dollaro e yen è tornato ai massimi livelli dopo due settimane in cui la coppia in questione valeva 98,70 punti. La settimana scorsa gli scambi si sono chiusi al di sotto dei 98 punti mentre nei prossimi giorni si prevede un ritorno a 100 punti. In crescita anche il cambio tra euro e yen.