UE: la storia dei nuovi migranti

di Redazione Commenta

Spread the love

La situazione economica precaria ha reso indispensabile, come moltissimi anni fa, il trasferimento di una parte della popolazione in paesi diversi da quelli di origine. L’emigrazione, tuttavia, è cambiata molto e una recente ricerca fa il punto della situazione. 

Il Novecento è stato un secolo caratterizzato dagli spostamenti. Ad emigrare erano sempre i cittadini dei paesi maggiormente in difficoltà dal punto di vista economico, per esempio gli italiani. All’inizio le mete preferite da chi fuggiva dalla fame, erano l’Argentina e gli Stati Uniti. Dopo il secondo conflitto mondiale, le ondate migratorie hanno interessato anche ala Svizzera, il Belgio e la Germania dell’Ovest. Questo è il quadro italiano cui bisogna aggiungere anche che moltissimi nostri connazionali sono passati dal sud al nord dello Stivale alla ricerca di un lavoro più remunerativo.

Oggi l’emigrazione è diventata importante per via del nuovo incremento dei tassi di disoccupazione ma cambiano le mete e i motivi degli spostamenti. Sempre per rimanere nel contesto italiano, dobbiamo spiegare che i nuovi migranti vanno soprattutto in Germania, Francia e Gran Bretagna che assorbono rispettivamente il 20, il 16 e il 13 per cento dell’onda migratoria.

In genere ci si trasferisce senza famiglia (in tre quarti dei casi), per avere un reddito maggiore e soprattutto per fare carriera. Come influisce questo fenomeno sull’economia di un paese? Il nodo da sciogliere per migliorare gli investimenti.