Forex: aspettando BCE e BoE

di Gianni Commenta

La Banca Centrale Europea e la Bank of England sono le protagoniste di questo fine mese visto che è da loro che dipende l’andamento del mercato valutario nel periodo antecedente alle feste. In generale l’estate per il mondo della finanza non è un periodo di riposo e ferie perché il mercato si carica di volatilità e gli speculatori più attenti sono in agguato. La volatilità può essere anticipata da alcune notizie che interessano ad esempio il mercato valutario ma può essere anche stoppata dalla definizione di trend di lungo periodo.

Fatta questa dovuta premessa, consideriamo l’attesa rivolta alla BCE. La conferenza stampa di Mario Draghi potrebbe riservare infatti delle novità inaspettate. Nello scorso appuntamento con la stampa, per esempio, la BCE ha deciso di lasciare i tassi d’interesse molto bassi per un periodo più ampio del previsto.

Adesso, si pensava ad un’inversione di tendenza, ma si fa largo l’ipotesi di un mantenimento della forward guidance che prevede il mantenimento degli attuali tassi d’interesse.

Per quanto riguarda la Bank of England, ci si aspetta ancora una dimostrazione di fiducia da parte del governatore della BoE, Mark Carney che è sempre più convinto della ripresa in atto nel suo paese. Forse il Royal Baby ha dato fiducia agli inglesi e agli investitori.