Italia: ecco la promessa sullo spread

di Gianni Commenta

In questi giorni lo spread del Belpaese si può dire che sia in calo in modo molto deciso ed interessante, tanto che in Europa e in Italia, tutti iniziano a parlar di ripresa economica. Il premier, però, fa di più e promette un ribasso sensazionale del differenziale.

Lo spread misura gli interessi che noi paghiamo nelle cedole a chi compra i titoli di stato, un pezzetto del debito italiano. Se il paese risulta poco affidabile, lo spread, misurato per differenza con i Bund a 10 anni tedeschi, sale, se invece il paese recupera credibilità finanziaria, lo spread scende.

In questo momento la BCE e l’Italia, stanno raccogliendo ovunque dei segnali positivi in merito alla ripresa economica del paese. Gli stessi investitori non credono nel prossimo downgrade del Belpaese e vogliono invece portare capitali nello Stivale.

Un evento da non trascurare è sicuramente la tornata elettorale in Germania dove a settembre si vota per il Cancelliere, proprio nello stesso periodo in cui la FED dovrebbe iniziare a ridurre gli aiuti agli Stati Uniti. Un periodo molto proficuo di cui si potrebbe avvantaggiare l’Italia.

Il premier è convinto che sia possibile migliorare le nostre condizioni e in sei mesi abbassare lo spread anche di 50 punti. Un risultato importante, su cui scommettere.